La forma del territorio: montagne, colline e pianure

Innanzittutto, ecco un Glossario solo per immagini dei termini fondamentali del paesaggio (forma del territorio: montagne, colline e pianure).

E inoltre… dopo lunghissime ricerche su internet a caccia di video sulla struttura della Terra (nucleo, mantello e crosta), sulla deriva dei continenti (il loro “spostamento” dalla Pangea alla conformazione attuale) e sui vulcani e i terremoti, ecco tutto quello che sono riuscita a scovare per voi: un documentario “National Geographic” e due brevi filmati “Coronet Instructional Film”!

Se avete tempo, guardateli. Il primo documentario è piuttosto lungo, ma gli altri due filmati durano – in tutto – una quindicina di minuti. Per vederli, dovete aver installato un programma per la visione dei filmati: nel caso in cui non riusciste a guardarli direttamente su questo blog (se cioè, per ragioni a me sconosciute, non risciste ad “aprirli”), andate su YouTube e cercate “viaggio terra national geographic” e “tettonica zolle scuola network”. Compariranno sicuramente!

Prima di passare ai filmati, però, vi ricordo alcune cosette…

1) La Terra è simile a un uovo: dovete immaginare la crosta terrestre un po’ come un guscio spaccato qua e là, il mantello un po’ come un albume e il nucleo un po’ come un tuorlo.

Immagine trovata su: http://blogs.swa-jkt.com/swa/10539/2011/10/12/earth-diagrams/
Immagine trovata qui. Traduzione: 1. CROSTA fatta di roccia (solida), spessa 45 km; 2. MANTELLO fatto di roccia (fusa), spessa 2900 km; NUCLEO ESTERNO fatto di ferro, un po’ di nichel, zolfo e ossigeno, spesso 2266 km; NUCLEO INTERNO (probabilmente solido) fatto di ferro, nichel e altri elementi più leggeri, spesso 1250 km. La didascalia, poi, recita che “per viaggiare fino al centro della Terra ci vorrebbero circa 65 ore“. Un’informazione in più: tra la CROSTA e il MANTELLO c’è una zona né solida né fusa (è “semifusa”) su cui “scivolano” le “zolle” di crosta terrestre: questa zona si chiama ASTENOSFERA ed è proprio lì che avvengono i movimenti che ci interessano…!

2) I movimenti della crosta terrestre provocano quella che – in linguaggio scientifico – si chiama “deriva dei continenti” (o “tettonica delle zolle“). Essa consiste nello slittamento costante e inarrestabile di grosse parti di crosta terrestre, chiamate “placche” o “zolle”, che si allontanano o si avvicinano. Ogni movimento è accompagnato da scosse di terremoto e provoca la formazione di montagne (quando le placche si scontrano) o eruzioni vulcaniche (in tutti gli altri casi).

Placche
Le “placche”. Ciascuna placca è formata sia da parti di crosta emerse dall’acqua (continenti) sia da parti sommerse dall’acqua (fondali marini). Tutte le placche si muovono in una direzione precisa.
Orogenesi
Quando due placche si scontrano, si formano delle montagne. Questo fenomeno si chiama “orogenesi” (dal greco oros, ‘montagna’, e genesis, ‘nascita’).
Tettonica
Quando due placche si allontanano, come accade nel bel mezzo dell’Oceano Atlantico, fuoriesce della lava che immediatamente solidifica e si accumula fino a formare una strana montagna: la “dorsale medioceanica”.

E ora ecco i filmati. Buona visione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...