Il suono elettronico del nucleare

Tra il 1945 e il 1998 ci sono state 2.053 esplosioni nucleari. L’artista giapponese Isao Hashimoto le ha “catalogate” su una mappa e ne ha ricavato un video.

Si può osservare l’intensa attività nucleare di Stati Uniti e Unione Sovietica, soprattutto in piena “guerra fredda” (cominciata combattuta, cioè, attraverso la reciproca minaccia di usare il proprio arsenale nucleare per cancellare la potenza avversaria) alla quale si aggiunge, in seguito, quella di altre potenze economiche del XX secolo.

Si può osservare, infine, il rallentamento di tale attività in seguito al 1989, anno in cui crolla il muro di Berlino – che separa la Germania dell’Est, filostatunitense, dalla Germania dell’Ovest, filosovietica – e l’Unione Sovietica entra definitivamente in crisi economica e politica.

Prendete dei pop-corn, stappate una Pepsi e godetevi lo spettacolo.

Dopo aver ascoltato tutti questi questi tristi bip, non riesco a fare a meno di postare una canzone altrettanto decadenteRadioaktivität dei Kraftwerk.

I Kraftwerk sono una band tedesca piuttosto famosa negli anni Settanta e Ottanta: sono considerati i pionieri della musica elettronica. In questo filmato si possono vedere diversi pezzi di documentari “di repertorio” sui disastri nucleari avvenuti a Chernobyl, Harrisburg, Sellafield e Hiroshima (ai quali la canzone è dedicata). Il video non è stato realizzato dalla band, ma da un utente di YouTube.

Annunci

One Comment Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...