Come s’impara a scrivere

Dopo molto limare (e sapete che a forza di limare si ottiene qualcosa di buono anche dai sassi, notoriamente dei duri), ho preparato queste. Sono solo delle indicazioni, dei consigli da vecchia zia, ma a seguirli non si sbaglia di sicuro.

Poi, in classe, bisogna provare, provare e provare.

Lo dico sempre: le regole di uno sport non s’imparano sui libri. S’imparano mettendole in pratica. Per imparare a scrivere e a leggere (o, meglio, a riconoscere bei libri) bisogna scrivere e leggere molto. Funziona, appunto, come uno sport o uno strumento musicale: funziona l’esercizio, ecco. Non so se sono stata abbastanza chiara.

Buon lavoro (perché sì, ci vuole anche volontà).

Scrivere

“Scrivere è cercare la calma, e qualche volta trovarla. È tornare a casa. Lo stesso che leggere. Chi scrive e legge realmente, cioè solo per sé, rientra a casa; sta bene. Chi non scrive o non legge mai, o solo su comando – per ragioni pratiche – è sempre fuori casa, anche se ne ha molte. È un povero, e rende la vita più povera”.

(Anna Maria Ortese)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...